Facebook e licenziamento disciplinare.

FACEBOOK E LICENZIAMENTO DISCIPLINARE.

Corte di Cassazione Civile, sentenza n. 10955 del 27 maggio 2015

“Non è illegittima la condotta dell’azienda che crea un falso profilo Facebook per incastrare il dipendente negligente, provando in questo modo la propensione ad assentarsi dal posto di lavoro, tanto da arrivare al licenziamento.”.

Il datore di lavoro ha il potere di controllare che il
lavoratore, nell’esecuzione della prestazione lavorativa, usi la diligenza dovuta (art. 2104,nicola frivoli co. 1, c.c.), osservi le disposizioni impartitegli (art. 2104, co. 2, c.c.), rispetti gli obblighi di fedeltà sullo stesso gravanti (art. 2105 c.c.), anche al fine di poter esercitare l’eventuale azione disciplinare nel caso in cui rilevi l’inosservanza di tali obblighi (art. 2106 c.c., art. 7 dello Statuto dei lavoratori).

Tale potere non è, tuttavia, assoluto, ma incontra come limite la necessità che esso sia esercitato in modo tale da non ledere diritti fondamentali del lavoratore, come la dignità e la riservatezza.

Avendo presente tale necessità, lo Statuto dei lavoratori (l. 20.5.1970, n. 300) ha circoscritto con precisione i limiti, soggettivi ed oggettivi, entro i quali il datore di lavoro può esercitare il proprio potere di controllo, individuando, da un lato, i soggetti abilitati al controllo e, dall’altro, distinguendo due forme mediante le quali lo stesso può essere esercitato: il controllo a distanza ed il controllo diretto.

Per quanto concerne le modalità di effettuazione del controllo, una parte della giurisprudenza si è orientata nel senso di ritenere legittimo l’utilizzo, anche non autorizzato dalle rappresentanze sindacali o dalla Dtl, di impianti audiovisivi laddove vi fosse consapevolezza da parte del lavoratore in ordine al controllo medesimo (Cass., 11.6.2012, n. 22611). In particolare, è stato considerato legittimo il controllo sulla posta elettronica nei casi in cui il lavoratore fosse a conoscenza della possibilità di tale controllo, come nell’ipotesi in cui l’indirizzo fosse riferibile all’azienda, con ciò escludendone il carattere privato, oppure il lavoratore avesse comunicato al datore di lavoro la propria password di accesso alla casella di posta; altresì, è stato considerato inapplicabile il divieto posto dall’art. 4 st. lav. ai casi di controllo a scopo difensivo, quei tipi di controllo volti, cioè, a rilevare qualsiasi condotta illecita dei lavoratori diretta a ledere il patrimonio aziendale a condizione che le stesse condotte illecite non riguardino, né direttamente né indirettamente, l’attività lavorativa (Cass., 3.4.2002 n. 4746; Cass., 17.7.2007, n. 15892; Cass., 23.2.2010, n. 4375; Cass., 1.10.2012, n. 16622).

Orbene, premesso quanto innanzi esposto, sull’argomento in esame, merita di essere citata la recentissima pronuncia della Suprema Corte di Cassazione n. 10955 del 27 maggio 2015ergo, sul controllo del lavoratore mediante i Social Network.

Con la sentenza n. 10955/2015 la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione ha ritenuto legittimo il comportamento dell’azienda che, dopo aver creato un finto profilo di donna su Facebook, ha stretto amicizia con un proprio dipendente instaurando successivamente conversazioni in chat al fine di verificarne la condotta sul posto di lavoro e risultando alla fine costantemente connesso via smartphone con sottrazione di tempo all’attività lavorativa al punto da legittimarne il licenziamento.

Per meglio dire, secondo i Giudici della Cassazione “la creazione del falso profilo non è violazione dei principi di buonafede e correttezza nell’esecuzione del rapporto di lavoro, attenendo ad una mera modalità di accertamento dell’illecito commesso dal lavoratore…non invasiva né induttiva dell’infrazione, avendo funzionato come mera occasione o sollecitazione cui il lavoratore ha prontamente e consapevolmente aderito”. Difatti, secondo la Suprema Corte, il controllo era destinato a riscontrare e sanzionare un comportamento idoneo a ledere il patrimonio aziendale, sotto il profilo del regolare funzionamento e della sicurezza degli impianti, sollecitato dagli episodi occorsi nei giorni precedenti, e cioè dal riscontro della violazione, da parte del dipendente, della disposizione aziendale che vieta l’uso del telefono cellulare e lo svolgimento di attività extralavorativa durante l’orario di servizio (quindi fuori dallo schema normativo dell’art. 4 n. 300/70) .

Alla luce di tutto quanto innanzi esposto, si evidenzia che i controlli “oculati” sono ammissibili, anche ad opera di personale estraneo all’organizzazione aziendale, in quanto diretti all’accertamento di comportamenti illeciti diversi dal mero inadempimento della prestazione lavorativa, sotto il profilo quantitativo e qualitativo, purché le modalità di accertamento non siano “eccessivamente invasive” e siano rispettose delle garanzie di libertà e dignità dei dipendenti”. 

Avv. Nicola Frivoli e Avv. Maurizio Tarantino 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *