Le novità telematiche del D.L.132/2014

Alla vigilia della conversione del decreto legge n. 132/2014  analizziamo le novità che influiranno anche nel PCT e precisamente nell’ambito delle procedure esecutive.

Cosa cambia esattamente? Di fatto non sarà più l’ufficiale giudiziario a depositare in cancelleria il verbale del pignoramento, titoli e precetto, e non sarà più la cancelleria a creare il fascicolo dell’esecuzione ed il relativo fascicolo informatico.  Si realizzerà, invece, ciò che di fatto si è sperimentato in questi anni nei Tribunali in cui, nelle procedure esecutive immobiliari il pignoramento veniva parallelamente inviato telematicamente all’ufficio giudiziario e consegnato all’ufficiale giudiziario cartaceamente. Con queste modalità, infatti,  si consentiva una facile iscrizione da parte del cancelliere che, invece di inserire manualmente i dati del pignoramento nel SIECIC ricopiandoli dagli atti restituiti dall’ufficiale giudiziario, avrebbe semplicemente accettato il deposito telematico dopo aver ricevuto dall’ufficiale giudiziario il pignoramento cartaceo, su cui, l’avvocato della parte istante, avrebbe dovuto preventivamente evidenziare l’avvenuto deposito telematico.

Ebbene, tale modus operandi, viene di fatto recepito nelle modifiche apportate al libro terzo del codice di procedura civile che viene modificato come segue:

  1. a) l’articolo 518, sesto comma (esecuzioni mobiliari presso il debitore), è sostituito dal seguente:

«Compiute le operazioni, l’ufficiale giudiziario  consegna  senza ritardo al creditore il processo verbale, il titolo  esecutivo  e  il precetto.  Il  creditore  deve  depositare  nella   cancelleria   del tribunale competente per l’esecuzione la nota di iscrizione a  ruolo, con copie conformi degli atti di cui  al  periodo  precedente,  entro dieci giorni dalla consegna. Il cancelliere al momento  del  deposito forma il fascicolo dell’esecuzione. Sino alla scadenza del termine di cui  all’articolo  497  copia  del  processo  verbale  è  conservata dall’ufficiale  giudiziario   a   disposizione   del   debitore.   Il pignoramento perde efficacia quando la nota di iscrizione a  ruolo  e le copie degli atti di cui al primo periodo del presente  comma  sono depositate oltre  il  termine  di  dieci  giorni  dalla  consegna  al creditore.»;

  1. b) l’articolo 543, quarto comma (esecuzioni mobiliari presso terzi), è sostituito dal seguente:

«Eseguita   l’ultima   notificazione,   l’ufficiale   giudiziario consegna  senza  ritardo  al  creditore  l’originale   dell’atto   di citazione.  Il  creditore  deve  depositare  nella  cancelleria   del tribunale competente per l’esecuzione la nota di iscrizione a  ruolo, con copie conformi dell’atto di citazione, del titolo esecutivo e del precetto, entro trenta  giorni  dalla  consegna.  Il  cancelliere  al momento  del  deposito  forma  il   fascicolo   dell’esecuzione.   Il pignoramento perde efficacia quando la nota di iscrizione a  ruolo  e le copie degli atti di cui al primo periodo sono depositate oltre  il termine di trenta giorni dalla consegna al creditore.»;

  1. c) l’articolo 557 (esecuzioni immobiliari), è sostituito dal seguente:

«Art.  557  (Deposito  dell’atto  di  pignoramento).  –  Eseguita l’ultima  notificazione,  l’ufficiale  giudiziario   consegna   senza ritardo al creditore l’atto di pignoramento e la nota di trascrizione restituitagli dal conservatore dei registri immobiliari. Il creditore deve  depositare  nella  cancelleria  del  tribunale competente per l’esecuzione la nota di iscrizione a ruolo, con  copie conformi  del  titolo   esecutivo,   del   precetto,   dell’atto   di pignoramento e della nota di trascrizione entro  dieci  giorni  dalla consegna dell’atto di pignoramento. Nell’ipotesi di cui  all’articolo 555,  ultimo  comma,  il  creditore  deve  depositare  la   nota   di trascrizione  appena  restituitagli  dal  conservatore  dei  registri immobiliari. Il   cancelliere   forma   il   fascicolo   dell’esecuzione.   Il pignoramento perde efficacia quando la nota di iscrizione a  ruolo  e le copie dell’atto  di  pignoramento,  del  titolo  esecutivo  e  del precetto sono depositate oltre  il  termine  di  dieci  giorni  dalla consegna al creditore.».

Ebbene, dalla lettura dei predetti articoli si evince che le incombenze che ora appartengono all’ufficiale giudiziario, vengono di fatto trasferite all’avvocato che dovrà egli stesso ritirare il verbale, i titoli ed il precetto e procedere con l’iscrizione a ruolo rispettando la ristretta tempistica indicata nei suddetti articoli.

La novità più eclatante tuttavia sarà che, i predetti depositi, dovranno effettuarsi esclusivamente con modalità telematiche a partire dal 31 marzo 2015. Si prescrive poi che, unitamente alla nota di iscrizione a ruolo  sono  depositati,  con  le  medesime modalità, le copie conformi degli atti indicati dagli articoli  518, sesto comma, 543, quarto comma e 557, secondo comma,  del  codice  di procedura civile. Ai fini del presente comma, il difensore attesta la conformità delle copie agli originali, anche fuori dai casi previsti dal comma 9-bis.

Cresce dunque il potere di certificazione dei legali che potranno attestare la conformità all’originale delle copie informatiche dei documenti allegati al deposito telematico del pignoramento, a mio avviso semplicemente inserendo tale attestazione nell’indice o nella nota di deposito che allegheremo come atto principale in corrispondenza di ogni documento.

Tra le modifiche segnaliamo inoltre che, la nota di iscrizione a ruolo delle procedure esecutive, dovrà contenere, ai sensi dell’art. 159bis delle disposizioni di attuazione del codice di procedura civile, l’indicazione  delle  parti,  nonchè  le  generalità  e  il  codice fiscale, ove attribuito, della parte che iscrive la  causa  a  ruolo, del difensore, della cosa o del  bene  oggetto  di  pignoramento.  Si prevede inoltre che, il Ministro della giustizia,  con  proprio  decreto  avente  natura  non regolamentare, può indicare ulteriori dati da inserire nella nota di iscrizione a ruolo.

Si prevede infine che, tali disposizioni  si  applicano  ai procedimenti esecutivi iniziati a  decorrere  dal  trentesimo  giorno successivo all’entrata in  vigore  della  legge  di  conversione  del decreto-legge. (cfr. art. 18 co. 3 d.l. 132/2014 “ Le  disposizioni  di  cui  ai  commi  1  e  2  si  applicano  ai procedimenti esecutivi iniziati a  decorrere  dal  trentesimo  giorno successivo all’entrata in  vigore  della  legge  di  conversione  del presente decreto-legge”)

Quanto invece alle norme sul potere di certificazione, a parere di chi scrive, le stesse devono intendersi immediatamente in vigore in quanto, lo spostamento dell’entrata in vigore, riguarda per espressa previsione normativa i soli commi 1 e 2 e non i successivi, in cui sono contenute le norme sulla data di entrata in vigore dell’obbligatorietà del deposito telematico e l’estensione del potere certificatorio del difensore per gli atti contenuti negli articoli 518, sesto comma, 543, quarto comma e 557, secondo comma,  del  codice  di procedura civile che peraltro, pur non essendo ancora in vigore nella loro nuova formulazione, già contengono l’indicazione di titolo esecutivo e precetto.

Vi ricordo infine che le novità introdotte dal dl 132/2014 non si fermano a quelle commentate e comprendono qualche altra novità telematica e non,  tra cui la  ricerca con  modalità  telematiche  dei  beni  da pignorare e il monitoraggio delle procedure esecutive individuali  e  concorsuali  e deposito  della  nota  di  iscrizione   a   ruolo   con modalità telematiche, per l’approfondimento delle quali vi rimando alla lettura integrale del decreto legge..

 

.Avv. Nicola Gargano – info: nicgar@garganolex.it

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *