Il DDL sulla legittima difesa

Il disegno di legge sulla legittima difesa (A.C. 3785 del 4 maggio 2017)

 

La proposta di legge presentata (A.C. 3785) in tema di legittima difesa, dopopaolo iannone l’approvazione della Camera dei Deputati avvenuta il 4 maggio 2017 è passata subito dopo all’esame del Senato della Repubblica.

All’indomani dell’approvazione le prime impressioni negative si sono incentrate sull’approccio adottato dal legislatore, con riferimento all’art. 1 del disegno di legge, ove viene proposto di aggiungere all’articolo 59 del codice penale il seguente commaNei casi di cui all’articolo 52, secondo comma, la colpa dell’agente è sempre esclusa quando l’errore è conseguenza del grave turbamento psichico causato dalla persona contro la quale è diretta la reazione».

Va da sé che il nuovo progetto di riforma è apparso disponibile al sacrificio degli schemi canonici che regolano oggi la disciplina della legittima difesa (ex art. 52 cod. pen.), al fine di offrire maggiori tutele in favore del cittadino vittima di un’aggressione, senza ponderare, con attenzione, le possibili conseguenze giuridiche di tale proposta.

Al riguardo, il Presidente dell’associazione nazionale magistrati, Eugenio Albamonte ha commentatoQuesta iniziativa legislativa nasce da una sfiducia per il modo in cui i giudici applicano le norme esistenti».

In tale prospettiva, ciò che desta maggiore preoccupazione è la probabile compressione dell’accertamento giudiziario in merito alla valutazione delle condotte poste in essere dai soggetti coinvolti.

 Dott. Paolo Iannone 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *